giovedì 29 marzo 2012

Doppia preferenza

 Pubblichiamo il testo dell'intervento in aula dell'On Susanna Cenni sulla proposta di legge per la doppia preferenza nelle elezioni regionali, provinciali, comunali.
Clicca qui:

sabato 24 marzo 2012

Report mercoledì 21 marzo

A Napoli, a Napoli! Così abbiamo esordito nel nostro incontro settimanale del mercoledì, convinte dalla necessità di proseguire in tempi rapidi, ma prevedendo appunto altri appuntamenti nazionali, nel difficile cammino di costituire un movimento (il nostro) stabile.
Ci auguriamo quindi che la proposta di rivederci a Napoli il 12 o 13 maggio, si faccia concreta.
Ci siamo pressoché limitate a questo nel riportare la riunione di Roma: troppo complessa una restituzione all'altezza della vivacità e dello scambio avvenute in quella giornata e poi c'era streaming e i documenti che già circolano in rete, compresa la proposta di una manifestazione sulla violenza contro le donne, sollecitata da Lorella Zanardo in una lettera inviata a Cristina Comencini. Su questo invece abbiamo voluto soffermarci; come tutte infatti sentiamo il peso delle notizie che ogni giorno descrivono questa estrema condizione di ingiustizia e sofferenza, in un'assenza preoccupante della politica.
E' iniziato uno scambio tra i vari Comitati con lo scopo di arrivare ad un'azione comune ed alcune idee si stanno già profilando.
Molte delle presenti hanno ritenuto necessario impegnarsi da subito su questo tema perché se il nostro flash-mob del 8 marzo é stato un momento forte ed emozionante, non possiamo limitarci ad azioni estemporanee seppur efficaci, ma cominciare a strutturare il nostro impegno. Per questo é stato deciso di formare un gruppo di lavoro di cui fanno parte Antonia, Costanza, Tatiana, Giulia, Albalisa (almeno nella fase iniziale) e chiunque altra voglia farne parte.
Il 14 Aprile a Milano ci sarà l'incontro nazionale dei Comitati SNOQ sulla rapresentanza. Non sappiamo ancora chi di noi parteciperà, ma sappiamo che il gruppo del coordinamento regionale che si é formato su questo tema, sta continuando a lavorare ed ha messo a segno già due importanti incontri con le Consigliere regionali e con le parlamentari toscane, trovando non solo attenzione,ma piena condivisione di intenti. Abbiamo deciso quindi di dedicare l'incontro settimanale di mercoledì 11 aprile all'aggiornamento su questo tema e magari in quell'occasione riusciamo anche a costruire un nostro contributo per il convegno del 14 Milano. Nel frattempo l'On Susanna Cenni ci ha informate che lunedì 26 marzo, il testo unificato per l'introduzione della doppia preferenza inizierà il suo percorso in aula e che é pertanto possibile che a tempi brevi si proceda ala votazione. Un passo importante che va sostenuto e poer questo stiamo pensando ad un comunicato stampa o ordini del giorno, il cui testo appena pronto, faremo circolare anche tra tutti i Comitati.
Quella di mercoledì é stata decisamente una riunione molto organizzativa anche in virtù del fatto che stiamo animatamente lavorando su più fronti, non ultimo il Piano Sanitario Sociale Integrato che a breve dovrà essere varato dal Consiglio regionale Toscano e di conseguenza il Piano Sanitario di Zona legato al Tavolo per le politiche di Genere del Comune di Siena che é ormai operativo a tutti gli effetti. Anche in questo caso abbiamo sentito l'esigenza di formare un gruppo di lavoro che si muova rapidamente in sintonia con le due rappresentanti che abbiamo nominato al Tavolo comunale. Di questo gruppo fanno parte Gianna, Carla F., Carla V., Albalisa, Fiorenza e come per il precedente, chiunque voglia. Il gruppo dovrà fissare una data per incontrare alcune donne del PD che a loro volta lavorano su questo tema, nella possibilità di formulare proposte comuni. Insomma vorremmo iniziare anche a creare alleanze operative con altre realtà di donne che lavorano nei nostri territori!
Per finire, abbiamo preso in considerazione la proposta di SEL, di un incontro (previsto a questo punto per lunedì 2 Aprile) per costruire la nostra partecipazione a due seminari sul lavoro, tema quanto mai attuale ed a proposito del quale abbiamo anche dato la nostra adesione alle varie azioni che la CGIL sta organizzando a proposito della recente e controversa riforma.
Ultimissima comunicazione: prevediamo di fare il prossimo incontro del Coordinamento regionale dei comitati SNOQ a Siena il 22 Aprile. Aspettiamo conferma o meno su questa data dagli altri Comitati.
Arrivederci a mercoledì 28 Marzo alle ore 17,30 presso Le Stanze della Memoria. 
Albalisa

lunedì 19 marzo 2012

Incontro Nazionale Comitati SNOQ (Roma 18-03-2012)

Video della 1a parte dell'incontro...
(qui trovate l'intervento del Comitato Snoq Siena-Donne del 13 febbraio)



Watch live streaming video from snoq at livestream.com


seconda parte...




Watch live streaming video from snoq at livestream.com

sabato 17 marzo 2012

giovedì 8 marzo 2012

Freeze Flash Mob - 8 Marzo



Comunicato stampa de Le donne del 13 Febbraio- Comitato Se non ora quando Siena (Foto in allegato)

Oggi, in occasione dell’ 8 marzo, le donne del 13 febbraio Siena – Comitato Senonoraquando hanno organizzato un flash mob per ricordare tutte le donne che ogni anno in Italia sono vittime della violenza di  genere.

Una donna su tre, tra i 16 e i 70 anni, è stata colpita nella sua vita dall’aggressività di un uomo. La prima approfondita indagine ISTAT è del 2006 e parla di 6 milioni 743 mila donne vittime di violenza, nel 87% dei casi ad opera di partner (mariti, compagni, fidanzati), ex-partner, padri, fratelli o comunque familiari. Se ci si concentra nella nostra sola Regione e sempre in riferimento al 2006, sono 72.831 le donne che hanno subito violenze fisiche o sessuali ed è sempre macroscopicamente alta la percentuale che attribuisce ai familiari la responsabilità di questi atti. Dal 2006 ad oggi, pur in mancanza di dati precisi, questi numeri non sono certamente diminuiti. Le più numerose ad essere colpite sono le donne tra i 16 e i 24 anni. La violenza, soprattutto quella domestica, passa nella maggior parte dei casi sotto silenzio: il 34%  delle donne non ne ha mai parlato con nessuno, circa il 93% non ha denunciato la violenza e sono poche le vittime che si sono rivolte ai Centri antiviolenza o a centri specializzati d’aiuto. I motivi che spingono le donne a rimanere nel silenzio sono molteplici e hanno a che fare con un’eterogeneità di aspetti, che vanno dal non considerare determinati atti come violenza e/o ritenerli un fenomeno poco grave, alla decisione di risolvere la questione in ambito privato/familiare. Esiste poi una rimozione ed un occultamento agiti a livello sociale spesso proprio da quei soggetti demandati ad accogliere e sostenere le donne nel difficile cammino dell’uscita dalla violenza. Di fatto, un pericoloso ed assordante silenzio imprigiona questo fenomeno accentuandone la difficoltà di risoluzione.
La punta di questo iceberg è senza dubbio rappresentata da quello che recentemente è stato definito “feminicidio”:
127 donne uccise nel 2010, 139 nel 2011, 20 sono già state uccise dall’inizio del 2012.

Abbiamo deciso di fare un flash mob perchè troppe donne in Italia sono vittime di violenze.
Abbiamo fatto questo flash mob anche per la ragazza che è stata recentemente vittima di violenza qui a Siena, perché lei, come tutte le donne che la subiscono, non devono essere lasciate sole 






Guarda i  VIDEO

di Christian Brogi



di Elena Casi

Puoi vedere altre foto del flash mob a questo link